Tu sei qui: Home Organi statutari Collegio dei Revisori dei Conti

Collegio dei Revisori dei Conti

Il Collegio dei revisori è composto da:

a. un dirigente del Ministero dell'economia e delle finanze - Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, designato dal Ragioniere generale dello Stato;

b. un dirigente del Ministero dell'economia e delle finanze - Dipartimento delle finanze, designato dal Direttore generale delle finanze;

c. un ufficiale superiore in servizio permanente del Corpo della Guardia di Finanza, in servizio alla sede di Roma, designato dal Comandante Generale della Guardia di Finanza.

I componenti il Collegio dei revisori sono nominati con Decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze e durano in carica tre anni.

Nella prima riunione del Collegio dei revisori dei conti, i relativi membri eleggono il Presidente del Collegio. Fino all'elezione del Presidente ovvero in caso di sua assenza o impedimento, il Collegio è presieduto dal membro con maggiore anzianità anagrafica.

Il Collegio dei revisori dei conti vigila sull'osservanza delle disposizioni di legge, regolamentari e statutarie, verifica la regolarità della gestione e la corretta applicazione delle norme di amministrazione, di contabilità e fiscali e provvede agli altri compiti previsti dall'art.20 del decreto legislativo 30 giugno 2011, 123

I revisori dei conti assistono alle riunioni del Consiglio di Amministrazione e formulano le osservazioni che ritengono utili nell'interesse del Fondo. Delle osservazioni, rilievi ed accertamenti si redige verbale che viene trascritto in apposito libro delle adunanze del Collegio.